Behind the Lens

5 Marzo 2019
Behind the Lens

La grande accellerata data dall’avvento del digitale, accentuata ancor di più dalla proliferazione dei vari Social, ha contribuito alla produzione di moltissime immagini che, spesso, restano tali senza mai diventare vere e proprie fotografie.

La Storia della fotografia è piena di persone dotate di talento che sono diventati del Maestri grazie all’educazione di questa dote innata attraverso la conoscenza e la padronanza della tecnica fotografica, riuscendo anche a creare nuove tecniche tutt’oggi applicate.
Se il talento non si può imparare, la tecnica fotografica invece si ed è necessaria per riuscire a realizzare immagini fotografiche in grado di “parlare” a chi le osserva.
I monaci ZEN insegnano ai propri allievi che bisogna imparare un’arte (tecnicamente) talmente bene da potersi dimenticare come si fa! La sola tecnica non basta se non si ha la capacità di inserire le proprie emozioni nell’elemento visivo da fotografare. Solo un’eccellente conoscenza tecnica con una sensibilità emozionale, permette al fotografo di creare un codice comunicativo con il soggetto da fotografare, riuscendo così a trasmettere le proprie sensazioni all’osservatore finale.
In questa pubblicazione ho voluto riassumere tutte le mie conoscenze sulle varie tecniche fotografiche, sulle possibilità di intervento sulle foto scattate direttamente nella fotocamera e sulle tecniche speciali nella macrofotografia.
Un compendio nuovo, nel linguaggio utilizzato che, seppur tecnico, è fruibile dai neofiti agli esperti, oltre che aggiornato anche su alcune tecniche che fanno “tendenza” nel Mondo d’oltreoceano.
Insomma, la conoscenza tecnica, deve diventare parte integrante del fotografo, tanto da essere utilizzata in maniera naturale e non forzata perché essenza costitutiva di ogni fotografia realizzata.

0